Tag Cloud

A A A
Sei in: Sala Stampa » Prima Pagina »DAL COMPOSTAGGIO AL BIOMETANO: NUOVE OPPORTUNITA'
19
APR
2016

DAL COMPOSTAGGIO AL BIOMETANO: NUOVE OPPORTUNITA'

Convegno promosso dall’Aciam con il patrocinio della Regione e del Consorzio Italiano Compostatori.
 
Avezzano. I rifiuti come un’opportunità e non come un problema e la produzione di biometano per ridurre i costi dell’impianto che già si occupa di compostaggio. Il tutto, con lo scopo di abbattere i costi per il consumo di energia elettrica, utilizzata per il trattamento dei rifiuti organici e di conseguenza riuscire a ridurre la tassa sui rifiuti per i cittadini dei Comuni soci.  
 
Hanno partecipato anche gli studenti dell’istituto professionale per l’agricoltura, con i docenti, che hanno fatto domande ai relatori, per chiarire il valore che assume la maggiore coscienza delle famiglie che ogni giorno fanno la raccolta differenziata.
 
All’incontro è intervenuto anche Franco Gerardini, dirigente del servizio della gestione dei rifiuti della Regione che ha spiegato l’adeguamento della programmazione regionale di settore, sottolineatocome l’Aciam sia un’azienda pubblica che lavora “virtuosamente” nel settore dei rifiuti.
 
Giorgio Rustichelli, progettista dell’Aciam, ha presentato il progetto di riconversione di una parte dell’impianto di Aielli, che ha come obiettivo la produzione di biometano e ha spiegato come la linea che tratta i rifiuti indifferenziati, rispetto a quando è nato l’impianto, è meno utilizzata per via dell’aumento della raccolta differenziata, da cui già si produce compost.. Si tratta di un progetto in fase di autorizzazione da parte della Regione.
 
“Le presenze e la qualità degli interventi al convegno sono stati conferma che i cittadini sono sempre più prepararti a considerare il rifiuto, soprattutto quello organico, come opportunità e non come un problema commenta la presidente dell’Aciam, Panei, “il progetto di una riconversione parziale dell’impianto di compostaggio Aciam per la produzione di biometano, in attesa di approvazione dalla Regione Abruzzo, vedrebbe una riduzione della tariffa ai Comuni soci  grazie all’approvigionamento autonomo di energia”.
 
Guarda anche: